Johnnie Walker Blue Label

a cura della Redazione di Stilemaschile

[no_social_share]

JOHNNIE WALKER  BLUE LABEL

L’eccellenza in un blend dei più rari whisky del mondo
JW Blue Label

 

Rarità eccezionale, bottiglie numerate in quantità rigorosamente limitate, una miscela artigianale dei più preziosi Scotch whisky del mondo: questi alcuni dei tratti di unicità del gioiello di casa Walker, Johnnie Walker Blue Label, dedicato a chi cerca l’eccellenza, come Harrison Ford, che commenta “Johnnie Walker Blue Label è il mio whisky preferito. Quando Sidney Pollack ed io abbiamo girato il film Sabrina, abbiamo individuato in Johnnie Walker Blue Label lo Scotch perfetto per il mio personaggio, Linus Larabee, un uomo elegante, sofisticato, determinato, sempre alla ricerca del meglio in ogni sua scelta”.

Johnnie Walker Blue Label

Johnnie Walker Blue Label rappresenta la più alta espressione dell’antica arte del blending. Il suo carattere unico ed intenso, che evoca i tradizionali blend del XIX secolo, deriva dalla ricercata combinazione dei più rari Scotch whisky e dalla sapienza dei master blender. Dei sette milioni di botti a disposizione del master blender, solamente uno su mille viene selezionato per la miscela di Johnnie Walker Blue Label. Inoltre, alcune delle distillerie che hanno prodotto queste botti non esistono più, rendendone i whisky praticamente introvabili, mentre altre sono così esclusive da rilasciare quantità estremamente limitate.

“Si tratta di un whisky da assaporare molto lentamente”, spiega Jim Beveridge, Master Blender di Johnnie Walker, “il naso è morbido, rotondo, quasi non pizzica. Ad un primo assaggio, emergono i profumi e la delicatezza della nocciola, del miele, dei petali di rosa, di ciliegie e arance, che rilasciano al palato una sensazione vellutata. Proseguendo nella degustazione, si scoprono gli aromi più nascosti ed intensi di fumo aromatico, sandalo, tabacco, cioccolato e mele al forno, che si rivelano in una vera e propria esplosione di gusto.

“La miscela di Johnnie Walker Blue Label è ottenuta con una quantità di whisky relativamente bassa (tra i 15 ed i 20), perché ogni malto contribuisce in abbondanza al suo gusto; la sua eclusività non può prescindere dall’utilizzo di whisky molto invecchiati (alcuni fino a 60 anni), mentre le sue note vibranti derivano dai whisky più giovani, che vengono selezionati subito dopo la distillazione, messi da parte e poi, quando raggiungono il loro apice, utilizzati per il blend”.

“Bevi Johnnie Walker Blue label responsabilmente. DRINKiQ.COM

Maggiori info sul sito ufficiale: johnniewalker.com