Brooks Brothers

a cura della Redazione di Stilemaschile

[no_social_share]

Brooks Brothers è stato fondato nel 1818. Ha quindi una lunga storia da raccontare…

Brooks Brothers è stata la prima azienda ad offrire abbigliamento prêt-à-porter e ha continuato a farlo introducendo prodotti diventati dei classici (ready-made suit, camicia Non-Iron, le famosebutton down, le repptie…).

 

 

I fratelli Brooks – il fondatore Henry Sands Brooks e i suoi fratelli Elisha, Daniel, Edward e John – furono infatti gli inventori dell’abbigliamento prêt-à-porter americano e, grazie a numerosi viaggi in Europa, arricchirono quest’ultimo con le più ricercate mode europee.

Esempi:

– colletto button down, visto da John Brooks durante una partita di polo in Inghilterra e successivamente introdotto a New York;

signature Tartan, derivante dal tartan scozzese utilizzato da Lavinia Lyon, moglie di Henry;

repp tie, ispirate alle cravatte regimental dei corpi militari britannici, si distinguono da queste ultime per la direzione opposta delle righe diagonali.

Brooks Brothers è diventato oggi un modello unico di stile americano per uomini e donne di ogni generazione. Il riferimento è quello di un’eleganza senza tempo e di un’autenticità innata. In breve è uno stile di vita.

Storicamente, il marchio Brooks Brothersè più antico diHermès (1837), Vuitton (1854), la prima automobile (1885), Chanel (1909), Hollywood (1883), la Statua della Libertà (1886), il Flatiron Building (1902) e Times Square (1904)…

Attualmente opera con più di 500 negozi in più di 17 Paesi in tutto il mondo e offre abbigliamento e accessori per uomo, donna e bambino in modo da rispondere alle mutevoli esigenze dei clienti in tutte le fasi della loro vita.

 

Fin dalle origini I prodotti Brooks Brothers sono stati scelti e indossati da numerosi attori e importanti politici. Può nominare alcuni celebri consumatori del brand?

Per quasi due secoli Brooks Brothers ha personalizzato l’abbigliamento di innumerevoli presidenti e personaggi politici, attori e artisti, scrittori, manager e capitani di industria.

Brooks Brothers, infatti, non è solamente un brand di abbigliamento, ma, con il tempo, è diventato parte integrante dellastoria americana. Non a caso, il brand è stato scelto da ben 39 Presidenti degli Stati Uniti.

Alla sua seconda elezione, Abraham Lincoln indossò un magnifico cappotto appositamente realizzato per lui da Brooks Brothers con la scritta «One Country, OneDestiny» sulla fodera.

Franklin D. Roosevelt è stato visto indossare frequentemente una mantella che Brooks Brothers disegnò per la marina militare americana.

Al loro insediamento, John F. Kennedy indossò il famoso l’abito due bottoni di Brooks Brothers, mentre Barack Obama aveva un cappotto e una sciarpa in cashmere, sempre e naturalmente Brooks Brothers.

Il brand fu preferito anche da molte icone della cultura americana come:

– F. Scott Fitzgerald, che frequentemente menzionò Brooks Brothers nei suoi romanzi, in particolare nel celeberrimoThe Great Gatsby;

– Clark Gable, oltre a mostrare grande predilizione per le camicie in Oxford, scelse gli abiti su misura Brooks Brothers, in quanto nessun abito ready-to-wear rispecchiava la sua fisicità;

– Andy Warhol, amante delle camicie bianche button down Brooks Brothers;

– Katharine Hepburn, J.P. Morgan, John R. Voorhis…

Oggi, Brooks Brothers collabora congrandi produzioni televisive e cinematografiche per la realizzazione dei costumi, come per la linea maschile del remake de Il Grande Gatsby, di BazLuhrmann, che ha vinto un Oscar proprio come “Best Costume Design”.

In Italia, è stato senza dubbio Gianni Agnelli il nostro più grande ambasciatore di stile.

 

 

Il brand ha avuto successo fin dalla sua fondazione nel 1818. Qual è il segreto?

Rispondo con queste parole:

«Dobbiamo produrre e commercializzare prodotti della migliore qualità, venderli solo con il giusto profitto e offrirli solo a coloro che aspirano a possederli e che sono in grado di apprezzarli». Le ha pronunciate Henry Sands Brooks nel 1818. E sono ancora oggi valide.

Quali sono i piani e le strategie per il futuro?

Stiamo perseguendo un’intensa strategia di internazionalizzazione focalizzata sull’Europa, che, forse sorprendentemente, è per noi un mercato in sviluppo. Al momento, infatti, rappresenta solo il 5% delle vendite totali.

Abbiamo aperto 7 importanti negozi a Roma, Madrid, Malta, Tallinn, presso lo Yacht Club di Monaco e due a Istanbul. In Italia, in aggiunta alle nostre quattro boutique, due a Milano, una a Bologna e una a Roma, distribuiamo i nostri prodotti attraverso 7 outlet, due dei quali sono stati recentemente aperti, e 150 negozi multi-brand.

Rafforzeremo la nostra presenza in Svizzera e in Austria, dove abbiamo appena inaugurato due negozi all’interno di due outlet, in Estonia, Romania, Germania, Svezia e Turchia.

In generale, desideriamo diventare globali e ci espanderemo in Australia, Sud America, Cina, Hong Kong, India, Russia e nei Paesi del Medio oriente.

A oggi i nostri mercati principali sono USA e Giappone.

 

Luca Gastaldi, AD di Brooks Brothers Italia

Maggiori info sul sito ufficiale: brooksbrothers.com